E’ tempo di credere! | World Challenge

E’ tempo di credere!

Nicky CruzFebruary 17, 2020

Un messaggio ospite nell’ora del bisogno

Qualcosa manca tra di noi. Se ne è andato e abbiamo bisogno che ritorni. Una chiesa singola non può far sì che accada; l’intero corpo di Cristo deve riunirsi assieme in un solo spirito e cercare Dio perché lo riporti indietro. Sto parlando del potere di Cristo di cambiare e trasformare le persone che si trovano in un terribile stato di bisogno. Tutti noi abbiamo amici, vicini e persone che ancora non conosciamo che sono stati feriti. Dio ha il potere di operare miracoli nelle loro vite e tu ed io siamo coinvolti nella Sua missione. È tempo ora di credere che questo accadrà.

2000 anni fa, quando gli esseri umani avevano toccato il loro punto più basso, Dio mise in atto il suo piano per salvarci. Gesù, seduto alla destra di Dio, abbandonò tutto il potere che aveva nei cieli e irruppe nella storia dell’umanità. “Egli ha portato i nostri peccati nel suo corpo, sul legno della croce, affinché, morti al peccato, vivessimo per la giustizia, e mediante le sue lividure siete stati guariti” (1 Pietro 2:24).

Il Signore non solo mandò suo Figlio a morire al posto nostro, ma ci diede anche lo Spirito Santo e un piano per fare discepoli costruendo la sua chiesa. I primi Cristiani erano un corpo dinamico di credenti attivi e dediti alla preghiera.

Nonostante la terribile persecuzione e opposizione, i primi Cristiani si mossero nella potenza dello Spirito Santo.

“Infatti il nostro vangelo non vi è stato annunziato soltanto con parole, ma anche con potenza, con lo Spirito Santo e con piena convinzione” (1 Tessalonicesi 1:5). I primi Cristiani furono testimoni di alcune della opere più sorprendenti di Dio nella storia. Il Signore fece cose miracolose tramite loro ed essi erano uniti nel portare la buona notizia al mondo. “La moltitudine di quelli che avevano creduto era d’un sol cuore e di un’anima sola… con grande potenza, rendevano testimonianza della risurrezione del Signore Gesù” (Atti 4:32-33).

La chiesa primitiva sapeva che il suo proposito era diffondere la buona notizia della potenza e dell’amore di Dio e i suoi componenti avevano grande successo nel portare il vangelo al mondo, nel nome di Gesù. Nei suoi primi 25 anni, la chiesa crebbe, passando da 120 persone a oltre 100.000. Dio si muoveva tra loro e ogni giorno si aggiungevano nuovi credenti.

Tutto questo accadde nonostante l’opposizione di nemici potenti. In Atti 12, la Bibbia ci dice che la minaccia più grande per la chiesa era costituita dal re Erode. Egli si assunse la missione di spazzare via i Cristiani e il suo primo piano di attacco fu liberarsi dei leader.

Erode aveva fatto arrestare Giacomo e lo aveva fatto uccidere. Poi, fece arrestare Pietro, con l’intenzione di far uccidere anche lui. Queste erano minacce serie per il popolo di Dio; i seguaci di Dio sapevano di essere in guerra per la sopravvivenza. Se Pietro fosse stato ucciso, ogni Cristiano sarebbe diventato un bersaglio.

In preda alla disperazione, i primi Cristiani fecero la sola cosa che avevano il potere di fare: pregarono. La preghiera è la forza di chi non ha potere. Dio agirà per noi, ma dobbiamo essere pazienti. “Perché è una visione per un tempo già fissato; essa si affretta verso il suo termine e non mentirà; se tarda aspettala; poiché certamente verrà; e non tarderà”(Abacuc 2:3).

Come dimostra il libro degli Atti, la chiesa di Gesù Cristo non solo sopravvisse ma prosperò. Egli aprì in modo sovrannaturale le porte della prigione, non solo per liberare Pietro ma anche Giovanni. Salvò la vita di Paolo dai molti pericoli. Tutte queste cose costruirono la fede dei nuovi Cristiani ed essi continuarono ad affrontare ogni ostacolo alla luce del vangelo.

Durante i momenti più importanti della chiesa, Dio fece miracoli per il suo popolo 

Egli fece prodigi tramite Mosè, Elia e altri fino alla chiesa primitiva. Egli pone questo incredibile potere anche nelle nostre mani, per fare le stesse opere.

“’Avverrà neghi ultimi giorni’ dice Dio ‘che io spanderò il mio Spirito sopra ogni persona; i vostri figli e le vostre figlie profetizzeranno, i vostri giovani avranno delle visioni, e i vostri vecchi sogneranno dei sogni. Anche sui miei servi e sulle mie serve, in quei giorni, spanderò il mio Spirito, e profetizzeranno. Farò prodigi su nel cielo, e segni giù sulla terra, sangue e fuoco, e vapore di fumo ’” (Atti 2:17-19).

Che cosa fa la nostra generazione con questa potenza? Parte del risveglio degli anni ’60 e ’70 si era scatenato quando David Wilkerson giunse a New York City. Io facevo parte di una banda, ero letteralmente fuori controllo, quando il Signore chiamò David perché venisse a raggiungerci. La dipendenza da eroina era un grave problema, perciò egli diede vita a Teen Challenge e le persone furono liberate, grazie alla potenza dello Spirito Santo.

Il problema della droga non era solo del ghetto, ma iniziò da lì. Si diffuse nei ceti medio e alto. I giovani bianchi avevano il denaro per la droga, erano figli di leader di tutti i livelli della società. Ho visto ragazzi bianchi lasciare le loro case per vivere nel ghetto, dove si vendevano per avere la droga.

Dio intervenne nei ghetti di New York City e nelle periferie e nelle cittadine.

Non molte grandi chiese, a quel tempo, avevano sentito parlare del battesimo nello Spirito Santo. I Cattolici, i Presbiteriani, i Luterani e i Metodisti iniziarono a ricevere la potenza dello Spirito Santo e i miracoli iniziarono ad accadere. Dio mandò un risveglio in questo Paese e le persone si convertirono e diedero il loro cuore a Gesù Cristo.

Tutto ciò non avvenne per mezzo di gente potente. Accadde tramite persone semplici, che credevano che Dio lo potesse fare, persone che pregavano e agivano in fede. Il risveglio si diffuse in tutti gli USA e in Europa. Le persone ovunque gridavano a Gesù di salvarle.

Quando pensiamo che Dio ci usi per il risveglio, molti di noi si scoraggiano a causa delle loro battaglie personali.

A volte, affrontiamo grandi problemi nel matrimonio, in famiglia, nel lavoro, nelle relazioni. Quando tentiamo di risolvere questi problemi, il diavolo ci condanna per le nostre difficoltà. Ed è allora che ci scoraggiamo. Indeboliamo e sottovalutiamo noi stessi e la capacità di Dio di usarci. Giudichiamo noi stessi in base ai risultati che non abbiamo conseguito. E tutto ciò uccide la nostra autostima.

Esiste un segreto per vincere la battaglia. Paolo ci dice: “Infatti non mi vergogno del vangelo; perché esso è potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede” (Romani 1:16).

Paolo è uno dei maggiori esempi di Dio per noi. Ebbe difficoltà di cui nessuno era a conoscenza. Scrisse a proposito di tali difficoltà ai Corinzi, ma a noi non ha mai detto quali fossero. Nonostante ciò, Paolo è colui che ricevette rivelazioni di salvezza, di trasformazione e di cambiamento. È colui che stette di fronte ai capi religiosi, ai re, alle persone che avevano il potere di cambiare la sua vita, senza temere nulla. Diceva la verità e il Signore operò potenti miracoli attraverso di lui.

Paolo stesso subì una miracolosa trasformazione. Era un persecutore, un uccisore di Cristiani e credeva nella sua missione. Dio lo fermò con un intervento miracoloso. Umiliò Paolo, rendendolo cieco temporaneamente e poi gli parlò dal cielo, dicendogli che Gesù Cristo aveva ogni potere e che Gesù è la risposta.

Così, uno dei maggiori missionari e insegnanti della storia divenne l’apostolo Paolo, per miracolo. Perché questo accada nelle nostre vite, dobbiamo credere che anche noi vedremo la gloria di Dio in azione. Dobbiamo credere al libro degli Atti; dobbiamo percorrere le sue pagine e vedere i miracoli fatti da Dio. Il suo messaggio è per ogni persona di ogni generazione!

La potenza di Dio si rivela quando preghiamo in fede. Crediamo che Dio sia in grado di fare quello che chiediamo? Ebrei 11:1 dice: “Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di realtà che non si vedono”. La fede richiede che, come Paolo, io  mi tolga il peso di orgoglio, dubbio e paura e stia davanti a Dio spezzato e vuoto, senza nulla se non semplice fiducia. Ho bisogno di chiudere le orecchie alle voci che mi dicono ciò che Dio può e non può fare o come Dio opera o non opera. Ho bisogno di permettere a Dio di mostrarsi per chi Egli è. Dio vuole che passi oltre i miei dubbi, che frantumi le mie paure, che dimentichi i miei limiti naturali e mi muova nel mondo della potenza sovrannaturale.

Non importa quanto orrende possano apparire le cose, Dio è più grande del tuo dubbio.

Dio prenderà la tua nuda fede, non importa quanto sia scarsa, e compirà un miracolo più grande di quanto tu abbia mai immaginato e sognato. Ha un’esperienza nell’uso dell’insignificante per compiere l’impossibile. “Agli uomini è impossibile, ma non a Dio; perché ogni cosa è possibile a Dio” (Marco 10:27).

La vita cristiana è costruita sulla fede. La tua fede può far muovere la mano di Dio. La tua fede può scuotere i cieli per conto di qualcuno. La tua fede può far fuggire il diavolo. Camminiamo per fede, non per vista.

Lascia che lo Spirito Santo ti riempia con la sua straordinaria unzione. Sii paziente nella fiducia che egli risolverà i tuoi problemi, essi non possono arrestare la sua opera di risveglio. Ti darà parole da dire, ti darà coraggio e audacia. Possa il Signore riempire ognuno di noi con la sua compassione e la sua misericordia per il lavoro che lo Spirito Santo ci chiama a compiere. Possa la chiesa, ancora una volta, essere il corpo sano che porta la buona notizia a un mondo che ne ha bisogno più che mai.

Riposa sulla verità della Parola di Dio. Credi alla sua parola per te. Abbraccia i suoi ordini e vedrai i miracoli.                            

Download PDF

DAILY ENCOURAGEMENT IN YOUR INBOX

Sign up now to receive our Daily Devotional or E-newsletter.

SUBSCRIBE